Visita la pagina Facebook di CoopAttivaVisita  il canale YouTube di CoopAttivaVisita la pagina LinkedIn di CoopAttiva

La storia

CoopAttiva si è costituita nel 1984, anticipando i tempi e tracciando il percorso di quella che nel 1991 diventerà per legge la cooperazione sociale. Quando venne approvata la Legge 381/1991 sulle Cooperative sociali, CoopAttiva rispondeva pienamente a tutti i requisiti che la legge prevedeva.

 

 


1984

Il 22 febbraio 1984, a Modena, nasce la  cooperativa con finalità sociali COOPERATTIVA, promossa da Caritas diocesana modenese e Centro di primo ascolto


1988

Inizia il rapporto tra USL 18 (attuale Distretto sanitario 5 di Pavullo) e Cooperattiva, attraverso la convenzione per la gestione del Laboratorio “Gesù Bambino Mio Fratello” attivato presso i locali forniti dalla Comunità dei Frati Cappuccini di Pavullo (Mo)


1991

Dopo un lungo percorso viene approvata la Legge 381/1991 sulle Cooperative sociali


1993

La sede modenese di Cooperattiva si trasferisce in uno spazio industriale strutturato in due laboratori a diverso livello di difficoltà (primo e secondo livello)


1995

Anche l'esperienza di Pavullo cresce. E con essa le strutture: ci si trasferisce nella struttura industriale che costituisce la sede attuale e anche qui si attivano due laboratori a diverso livello di difficoltà


1997

A Pavullo si dà il via al terzo laboratorio, dedicato al taglio di piastrelle in ceramica. E attrezzato con macchine da taglio a dischi diamantati, impianto di depurazione e riciclo acque


1998

Cooperattiva stipula con il Comune di Modena la Convenzione per l’inserimento di persone disabili e svantaggiate in attività di laboratorio. La Convenzione è tutt’ora attiva mediante il Laboratorio socio-occupazionale per l’Area handicap.

Tutti gli operatori vengono assunti e viene attivato il progetto presso l'U.O. Dipendenze patologiche.

Cooperattiva aderisce al CSS - Consorzio di Solidarietà Sociale, il Consorzio unitario delle cooperative sociali della Provincia di Modena.


2001

Viene modificato e integrato lo Statuto di Cooperattiva: si istituisce la Sezione A (Laboratorio socio-occupazionale) nelle sedi di Modena e Pavullo. Da questo momento l’applicazione del CCNL e relativo “Accordo sindacale per la definizione delle procedure di inserimento lavorativo e del trattamento economico e normativo dei lavoratori svantaggiati delle cooperative sociali di tipo B della provincia di Modena” riguarda esclusivamente i soggetti disabili e/o svantaggiati assunti nella Sezione B.


2003

A Modena Cooperattiva si trasferisce dagli spazi di via Nonantolana a quella che è la sede attuale (via dei Tornitori).


2006

Con l’inserimento di una nuova figura di Responsabile commerciale viene potenziata l'Area Commerciale, Marketing e Comunicazione. Viene presentata la nuova immagine coordinata aziendale.


2009

Presso il Distretto 5 di Pavullo viene aggiudicata a Cooperattiva la Gara d’appalto per la gestione di “Laboratori per lo svolgimento di attività occupazionali a favore di persone svantaggiate”


2010

Nell’ambito dell’Appalto per l’affidamento del Servizio inserimenti lavorativi e abilitazione professionale del Comune di Modena - su assegnazione di CSS – viene affidata a Cooperattiva la gestione del Presidio formativo “Ivo Monari”.


2012

Viene confermata presso il Distretto 5 di Pavullo la gestione di “Laboratori per lo svolgimento di attività occupazionali a favore di persone svantaggiate”.

Viene potenziata l'attività di Marketing e Comunicazione. Inizia il percorso per la redazione del primo Bilancio sociale.


2013

Viene significativamente ampliata la Sede di Modena, con la ristrutturazione dei capannoni adiacenti. Viene attivato - relativamente alla Sezione B - il nuovo Laboratorio di assemblaggio e montaggio.